Lo scalogno

Lo scalogno

Periodo di semina

genfebmaraprmaggiulugagosetottnovdic

Periodo di raccolta

genfebmaraprmaggiulugagosetottnovdic

Esposizione alla luce

Annaffiatura

Lo scalogno è una pianta erbacea molto simile, come gusto, alla cipolla. Il bulbo ha le dimensioni di quello dell’aglio ed è formato da circa 2-3 spicchi che sono racchiusi in un unico involucro. A seconda della varietà, lo scalogno può avere la buccia esterna di colore e di spessore diverso. I colori più comuni, comunque, sono rosso e grigio.
A differenza delle altre piante, lo scalogno non fiorisce, quindi non da origine ai semi e si moltiplica mettendo a dimora i bulbilli.

Varietà

  • Scalogno di Jersey, ha la buccia rosacea, è corto e rigonfio,  con la polpa venata e poco piccante
  • Scalogno grigio o comune, è piccolo e di forma allungata; ha la buccia grigia e la polpa è piccante e soda
  • Scalogno coscia di pollo, ha la forma allungata e la buccia dorata
  • Scalogno di Romagna, ha radici lunghe ed è a forma di fiaschetto allungato; la buccia è dorata

Clima

Lo scalogno ama i climi temperati. I valori vicino allo zero possono provocare la morte della pianta, mentre le temperature che superano i 30°C o che sono inferiore agli 8°C possono provocare un arresto dello sviluppo vegetativo.

Parassiti e malattie

Lo scalogno può essere attaccato dalla mosca della cipolla, che attacca i tessuti del bulbo, dall’oidio (comunemente chiamato mal bianco) e dalla peronospora.

Lo scalogno e la salute

Lo scalogno ha proprietà digestive, depurative, diuretiche, antibatteriche ed antiossidanti. Se consumato crudo, lo scalogno è ricco di silicio che contribuisce a rinforzare i capelli e di vitamina C.

{lang: 'it'}

Lascia il tuo commento!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.