Il lampone

Il lampone

Periodo di semina

genfebmaraprmaggiulugagosetottnovdic

Periodo di raccolta

genfebmaraprmaggiulugagosetottnovdic

Esposizione alla luce

Annaffiatura

Il lampone è una pianta originaria dell’Europa centro – settentrionale coltivabile in ogni ambiente climatico italiano. È un cespuglio di circa 80 cm di altezza, anche se può raggiungere i 2 metri. Grazie alla sua rusticità, il lampone si adatta a diversi tipi di terreno differenti, anche se predilige terreni freschi, tendenzialmente acidi e organici.

Varietà

Esistono due varietà di lamponi:

  • Unifera, varietà di lampone che produce una sola volta l’anno e che porta i frutti sui tralci dell’anno precedente
  • Rifiorente, varietà di lampone che produce una prima volta in autunno sull’estremità dei germogli dell’anno e, nell’estate successiva, sui germogli laterali del ramo che aveva prodotto nell’autunno precedente.

Clima

Il lampone sopporta bene le basse temperature invernali e quelle elevate estive, purché venga annaffiato regolarmente in caso di siccità.

Parassiti e malattie

Il lampone teme, tra i parassiti, gli acari, il verme del lampone che danneggia i frutti, la sesia del lampone e la cecidonia. Tra le malattie, il lampone è colpito soprattutto da ruggine, muffa grigia e septoriosi.

Il lampone e la salute

Il lampone ha proprietà benefiche e terapeutiche: è composto da sali minerali quali il potassio, fosforo, ferro, acidio citrico che hanno un effetto rinforzante sul nostro organismo. I frutti del lampone sono l’ideale per chi soffre di diabete e di reumatismi.

{lang: 'it'}

Commenta l'articolo! Ci sono 10 commenti

  1. roberto scrive:

    interessante, molto approfondito specie con le consociazioni.

  2. condivido il fatto che il lampone ha bisogno d’acqua..e
    cresce ottimamente in un clima leggermente umido..

  3. lione40 scrive:

    esaudiente.

  4. giulia scrive:

    vi ho inseriti nei miei ‘preferiti’… vi considero la bibbia del contadino! grazie di cuore.

  5. una curiosità: dove si vedono le consociazioni della pianta??

  6. sono 10 anni che coltivo lamponi varietà rifiorenti che da tre piante in origine, continuano ad estendersi ogni anno. Non ho avuto mai la necessità di trattarle contro parassiti o crittogame, Mediamente ogni anno crescono circa 3 mq, di lamponi che sono sorretti da rete metallica 10 x 10 cm. del tipo edile. Mi piace il vostro sito.

  7. da sei anni ho convertito il mio orto di 100 mq. dal tradizionale al sinergico. Non avendo la possibilità di utilizzare la paglia di grano, per pacciamare utilizzo le foglie di cerro che cadono abbondanti dal terreno del giardino. Oltre la decomposizione delle stesse incremento la fertilità con compost esclusivamente vegetale di mia produzione.
    Il terreno in questi anni non è stato mai lavorato, tranne all’impianto. I pancali larghi 1 mt alti 50 cm. sono delimitati lungo il perimetro degli stessi da palizzata di legni di castagno o di materiali di riciclo. 4 x 13 e 7,5 x 6 costituiscono i campetti con adeguati passaggi tra gli stessi. Per le crittogame uso poltiglia Bordolese, per gli insetti, macerati vari. Le piante bisognevoli di sostegni, sono sorrette da fili di nailon da pesca attaccata da struttura aerea ancorata all’esterno dei pancali. tutto funziona perfettamente. le produzioni sono sane e abbondanti

  8. giancarlo scrive:

    Buonasera chiedo gentilmente :cosa devo fare per combattere i vermi che si trovano nel frutto del lampone in attesa di una vs risposta viringrazio e ci saluto

  9. arianna scrive:

    Buonasera
    Cos é che provoca lo sgranamento del frutto nel momento in cui si raccoglie? E perché alcuni acini sono bianchi e non rossi? Grazie!!

  10. Molto interessante, i lamponi sono tra i miei frutti di bosco preferiti, peccato che siano molto sensibili alla botrite, specialmente una volta raccolti si ammaccano con facilità e si conservano poco.

Lascia il tuo commento!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.