Lavori nell’orto: seminiamo il basilico passo dopo passo!

scritto da Laura il 22 aprile 2010 | 10 commenti
in Il nostro orto

basilicoPrima o poi arriva il momento di accantonare per un attimo la teoria e darsi alla pratica! Noi abbiamo iniziato con la semina del basilico. Perché proprio il basilico? È presto detto!

  1. È una pianta piccola, non è una specie arbustiva, non cresce particolarmente né in altezza né in profondità e non ha problemi a vivere in un vaso.
  2. È rustico, ovvero costa poco e, non avendo esigenze climatiche particolari, si coltiva bene in tutta Italia. In più non richiede cure eccessive.
  3. È utile. Pensate a quanti sono i piatti in cui potrete utilizzare il vostro basilico! E se la cucina non vi basta, potreste sempre usare le preziose foglioline come ingrediente per infusi e colluttorio fatto in casa.
  4. È profumato. State pensando che questo non sia poi un motivo così importante? Ne riparliamo quando avvicinerete il naso alle vostre piantine ormai cresciute e non riuscirete a nascondere la vostra soddisfazione ;-)

Raccogliamo gli attrezzi e tutto l’occorrente

Avrete bisogno di:

  1. un vaso e un sottovaso (il nostro ha un diametro di 24 cm)
  2. del terriccio, comunemente in commercio con il nome di “terriccio universale”
  3. una bustina di semi di basilico
  4. una paletta

Molto utili, ma non indispensabili:

  1. dell’argilla espansa, che si trova facilmente nei negozi di giardinaggio
  2. un annaffiatoio
  3. un pezzo di coccio

Prepariamo il vaso

Mettere un pezzo di coccio sul foro di scolo del vasoSe avete un pezzo di coccio, poggiatelo sul foro di drenaggio del vaso, con la parte concava rivolta verso il basso. Non dovete otturare il foro ma solo evitare che la terra lo otturi.
Argilla espansa sul fondo del vasoVi siete procurati l’argilla espansa? Versatela sul fondo del vaso, in modo da riempirlo per circa un 1/6 della sua altezza. L’argilla espansa aiuta a migliorare il drenaggio del terreno e può essere sostituita con della comune ghiaia. In ogni caso, né argilla espansa né ghiaia sono indispensabili per il successo della vostra impresa ;-)
Riempire il vaso di terriccio, senza pressarlo troppoRiempite il vaso con il terriccio, premendolo leggermente con le mani ma evitando di pressarlo troppo, in modo che resti bello soffice. Non riempite il vaso fino all’orlo, ma lasciate un paio di centimetri fra il bordo e il livello del terreno.

Il grande passo: la semina!

Spargere i semi di basilico nel vasoPrendete una piccola manciata di semi e cercate di distruibirla uniformemente sulla superficie del terriccio. Questo metodo, “a spaglio”, è il più semplice ed è adatto a piccole piante, come prezzemolo e basilico. Non preoccupatevi troppo della distanza tra i semi…quando le piantine nasceranno le diradaremo!
Ricoprire i semi con un sottile strato di terriccioRicoprite i semi con un sottile strato di terriccio, senza premerlo. Teniamo sempre a mente che troppo terriccio soffocherà i semi e le piantine faranno più fatica a nascere. Il babbo contadino mi ha svelato la misura “perfetta”: uno strato alto una volta e mezzo il volume del seme ;-)
Annaffiare dopo la seminaAnnaffiate leggermente il terreno, facendo attenzione che l’acqua non lo smuova troppo e non scopra i semi.

Ora incrociate le dita ed armatevi di pazienza! La natura farà il suo corso, state tranquilli!

{lang: 'it'}

Commenta l'articolo! Ci sono 10 commenti

  1. michela scrive:

    Io anche ho seminato il basilico sul mio orto in balcone!! :D speriamo bene….ho fatto più o meno come avete fatto voi…ed ora aspetto il verdetto incrociando le dita!! :D

  2. Laura scrive:

    Non ti preoccupare, Michela, vedrai che le tue piantine di basilico spunteranno presto! Ricordati di farci sapere come è andata :-)

  3. Ciao!
    Io ho seminato il basilico parecchio tempo fa, e ora mi sono nate un sacco di piantine!!
    Sono molto soddisfatta, però ho notato che sono tutte vicine tra di loro, e temo non possano crescere per bene, posso spostarle?
    Quanto grandi devono essere perché io mi possa fidare?

    Ciao, grazie! :)

  4. Laura scrive:

    Ciao!
    Di solito, poco dopo la nascita delle piantine, dovresti diradarle. In pratica, togli con una semplice pinzetta le piantine più deboli nei punti in cui sono più fitte, in modo da lasciare spazio a quelle più robuste.
    Se le piantine hanno almeno 4 foglie e sono ben sviluppate, puoi provare a trapiantarle ad una distanza di 5-10 cm l’una dall’altra.
    Facci sapere come è andata poi ;-)

  5. Bene: ieri ho finalmente avuto il tempo di (s)trapiantare le piantine, hanno tutte la testina bella su, speriamo ce la facciano!
    Grazie per il suggerimento :)

  6. Laura scrive:

    Complimenti Monja! Vedrai, se sei stata attenta a non strapazzare troppo le radici, il tuo basilico non risentirà del trapianto! :-)

  7. i o provato a fare una pianta di basilico ma non mi è uscito niente! perchè!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

  8. ma ci sono periodi in cui piantare il basiliso?non trovo nel web una risposta semplice.

  9. fernando scrive:

    ho piantato in vaso basilico e prezzemolo è la prima volta nella mia vita che ci provo ma dopo 17 giorni non è nato ancora nulla, domanda dove posso trovare i tempi di nascita dopo la semina di ogni tipo di piantina, grazie

  10. Ravenus scrive:

    Salve. Ho piantato i semi di basilico a foglia larga, tale che sembrano piccole foglie di lattuga. Ho paura però di non nebulizzare abbastanza. io nebulizzo 1 volta al giorno abbondantemente, praticamente mezzo litro in una cassetta 40cm x 60cm. Purtroppo vedo che quando vado a nebulizzare il terreno è asciutto almeno in superficie. Aumento le nebulizzazioni?? Ho annaffio con l’annaffiatoio ??? Consigliatemi cortesemente

Lascia il tuo commento!