Gli afidi: come sconfiggerli con metodi naturali

scritto da Laura il 6 settembre 2010 | 5 commenti
in I consigli

Coccinelle nella lotta biologica contro gli afidiNell’articolo precedente, abbiamo scoperto qualcosa di più su uno dei più comuni nemici dell’orto: gli afidi. Ora vediamo quali armi abbiamo a disposizione nella lotta contro questi parassiti :-)

I rimedi naturali

Se gli afidi sono ormai già andati all’arrembaggio del vostro orticello, non resta che intervenire con massicce dosi di antiparassitario. Naturale al 100%, ovviamente! Sono armi formidabili, in questo caso, i macerati, come quelli d’aglio e d’ortica, che hanno proprietà repellenti. Prepararli è molto semplice e basta spruzzarli direttamente sulle colonie di afidi.
Molto utili anche cenere di legna e talco che, sparsi sui percorsi abituali dei parassiti, disidratano gli insetti e fanno da efficaci deterrenti. Un nostro lettore, Gabriele, ha usato con successo il talco anche contro le forbicine!

Piccoli alleati nella lotta contro l’afide malvagio

Ebbene sì, anche gli afidi hanno i loro nemici! A darci man forte nella lotta contro questi parassiti ci sono diversi utili insetti, come le coccinelle.
Questi graziosi animaletti rossi puntinati di nero sono infatti ghiottissimi di afidi. Molto utilizzati dagli agricoltori nella lotta biologica, sono acquistabili anche da noi comuni cittadini, sia sotto forma di larva che come esemplari adulti. Le larve sono più efficaci nei piccoli orti perché si muovono poco (non volano!) e sono molto voraci.

Anche la crisopa (chrysoperla carnea) è una grande predatrice di parassiti. Non avrà un aspetto grazioso come la coccinella, ma fa sicuramente il suo dovere contro gli afidi ;-)

A mali estremi, estremi rimedi

Di solito la pulizia o l’asportazione delle parti della pianta attaccate danneggiate e l’utilizzo dei macerati sono già misure sufficienti. Tuttavia, se ancora non siete riusciti a liberarvi degli afidi, potreste provare ad usare dei prodotti a base di piretro (o piretrina).

Il piretro è un insetticida naturale che si ottiene da alcune varietà di crisantemo. La tua tossicità per l’uomo è bassa e va utilizzato in forma diluita spruzzandolo direttamente sopra gli afidi. Usatelo solo se gli altri metodi non hanno funzionato! È infatti un prodotto ad ampio spettro ed uccide indiscriminatamente insetti dannosi e utili. Meglio evitare di colpire anche api e coccinelle, non credete?

E voi, avete provato con successo qualche metodo di lotta contro gli afidi?

{lang: 'it'}

Commenta l'articolo! Ci sono 5 commenti

  1. iuliano aalberto scrive:

    ho un problema che riguarda i miei piccoli alberi di limoni: verso la fine dei rami le foglie si raggrinziscono e poi mano amano questa malattia scende sempre più giù, per ovviare a questo inconveniente o taglio i rametti oppure devo dare massicce quantita di prodotti chimici. avete qualche suggerimento da darmi per combattere invece con armi naturali? grazie

  2. Zia Laura scrive:

    Dopo aver coperto per tutto l’inverno le carote con il TNT, quando le ho scoperte tre settimane fa le ho trovate piene zeppe di afidi.
    Io ho provato con un’annaffiata di sapone di Marsiglia misto ad aceto. Gli afidi sono scomparsi dopo due trattamenti a distanza di circa una settimana.
    Ora vediamo se le carote stanno bene.

  3. Laura scrive:

    Ottimo! Sì, ho sentito anche io che il sapone di Marsiglia funziona!

  4. Davide scrive:

    Ottimi consigli, vedrò di spruzzare gli infami afidi con sapone ed aceto, intanto cercherò di trovare ortiche in quantità…

  5. Vittorio scrive:

    Vorrei sapere se gli ortaggi a foglia(insalate, broccoli, spinaci) trattati con Macerato di ortica 1:20 per allontanare lumache e insetti possono essere consumati senza alcuna tossicità e dopo quando tempo dalla irrorazione con pompa possono essere raccolti.

    grazie Vittorio

Lascia il tuo commento!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.