Eathouse, la casa tutta da mangiare

scritto da Laura il 27 novembre 2011 | nessun commento
in I consigli

Eathouse (Eethuis in olandese) è il prototipo di una casa-orto che produce verdura ed ortaggi per i suoi ospiti. È stata presentata al Garden Festival di Appeltern del 2010 dagli architetti Marijke Bruinsma di de Stuurlui stedenbouw, Marjan van Capelle e Arjen de Groot di Atelier Gras. Per il momento Eathouse è ancora un test, ma i tre architetti sperimenteranno presto la loro creazione in differenti condizioni climatiche per verificare la crescita delle piante in situazioni particolari.

Cos’è esattamento Eathouse?
Si tratta di una installazione di 10×10 metri, di cui solo 5 sono occupati dalla casa. Costruita interamente in acciaio, Eathouse è rivestita con le cassette di frutta e verdura che ricoprono pareti e tetto.
Il progetto nasce sulla base del concetto di agricoltura urbana che in questi ultimi anni è molto popolare. È un esempio di come si può realizzare un orto senza bisogno di un pezzo di terreno o dei vasi in balcone!
Eathouse dura però il tempo della stagione estiva! Una volta finiti i prodotti, le cassette vengono tolte, le impalcature della casa possono essere smontate per eventuali spostamenti e la terra delle cassette viene conservata in sacchetti di plastica per evitare sprechi.
Modellando gli elementi portanti di Eathouse, è possibile trasformarla in una vera e propria abitazione permanente, capace di resistere ad ogni cambiamento di stagione.

{lang: 'it'}

Lascia il tuo commento!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.