L’esperto risponde: come difendere i peperoncini con metodi naturali?

scritto da Laura il 22 maggio 2011 | nessun commento
in L'esperto risponde

La domanda della settimana è stata quella di Stefano. Ecco cosa quello che ci chiede:

Salve ho un problemino, ho seminato in alveoli circa 150 semi di
peperoncino tra cui Thai Dragon, Jalapeno, e Cayenna, intanto per
germinare ci hanno messo ben 4 settimane e ora che finalmente sono
germogliate stanno crescendo ma noto che sono quasi tutte piegate
dallo stesso lato, quindi è un problema di ricerca di luce ? Poi
alcune foglie sono mangiate che fitofago può essere e esiste un modo
non chimico per evitare che questi insetti banchettino con le
foglioline dicotiledonari ?

Ed ecco la risposta che il nostro esperto Nicola ci ha dato:

Ciao Stefano,
considerando che il peperoncino ama molto il sole, il fatto che le piantine sono piegate da un lato potrebbe essere facilmente un problema di illuminazione (a meno che non ci sia qualche altro elemento che possa “piegare” le piantine come forti raffiche di vento). Per verificarlo, controlla da quale angolazione proviene la luce ed eventualmente sposta le piantine in un punto in cui l’esposizione sia migliore. Se hai una GermBox controlla che l’illuminazione sia uniforme. Considera anche che, quando sono alte circa 8-10 cm, le piantine vanno trapiantate.

Per quanto riguarda il parassita che ha attaccato le piantine, potrebbe trattarsi di afidi che sono gli insetti che colpiscono più facilmente il peperoncino. In questo articolo ci sono indicazioni più precise per riconoscerli.
In caso di afidi, metodi naturali molto efficaci sono i macerati d’aglio, d’ortica, di pomodoro o proprio di peperoncino. Qui trovi le istruzioni per preparare il macerato d’aglio (ma puoi usare lo stesso procedimento anche per gli altri):

In bocca al lupo con il tuo orto!

Hai anche tu una domanda per Nicola? Inviacela e pubblicheremo la risposta al più presto!
{lang: 'it'}

Lascia il tuo commento!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.