Alla scoperta delle piante officinali

scritto da admin il 20 marzo 2011 | 1 commento
in I consigli

Le piante officinali sono utilizzatissime negli orti e giardini, nella difesa naturale da parassiti e malattie. Sono particolarmente utili per la preparazione di macerati e infusi vegetali.
Andiamo a scoprire quali sono queste piante officinali:

Aglio:
Una delle piante officinali più antiche del mondo! L’aglio contiene olii eterici ricchi di zolfo e altri principi attivi ed agisce come battericida e fungicida. L’infuso e il macerato di aglio sono molto efficaci contro l’oidio.

Ortica:
È un eccellente pianta officinale, ricca di vitamine, sostanze minerali e istamina. Comunemente considerata un’erba infestante, l’ortica, sotto forma di macerato, fortifica le piante e le rende più resistenti ai parassiti.

Assenzio:
L’assenzio è una pianta officinale ricca di olii eterici e di principi amari che agisce attraverso il suo forte odore. Il succo e l’infuso di assenzio aiutano soprattutto nella difesa dai pidocchi e dagli acari; spruzzato sulle piante di cavolo, l’infuso tiene alla larga le cavolaie.

Equiseto:
Detta anche coda cavallina, l’equiseto è una pianta officinale ricca di acido salicilico. Il suo infuso fortifica le cellule vegetali rendendole resistenti all’infiltrazione dei funghi. Nell’orto e in giardino, il succo di equiseto è il rimedio più classico contro le infezioni e viene spesso spruzzato in via preventiva nelle giornate di sole (a differenza di tutti gli altri infusi e macerati che vengono spruzzati quando il cielo è nuvoloso).

Consolida:
Utilizzata in erboristeria per le sue proprietà terapeutiche, la consolida sulle piante ha un effetto ricostituente e ne aumenta le difese contro le aggressioni di malattie e funghi. Il macerato si ottiene dalle ampie foglie della consolida, è ricco di azoto e potassio e può essere utilizzato da solo oppure insieme a quello di ortica.

Cipolla:
Come l’aglio, la cipolla è una delle piante officinali più antiche del mondo e contiene olii eterici solforosi. La cipolla intera o anche solo le bucce vengono impiegate in diverse ricette di macerati per prevenire le infezioni. Nella lotta naturale e biologica delle piante la cipolla viene utilizzata soprattutto per combattere le micosi.

Felce maschio e aquilina:
Le felci crescono spontanee nel boschi misti e vengono raccolte nelle stagioni più calde come giugno e settembre. I macerati prodotti dalle fonde ricche di potassio, vengono utilizzati soprattutto per debellare le infestazioni di pidocchi e contro le ruggini.

{lang: 'it'}

Commenta l'articolo! C'è 1 commento

  1. tania scrive:

    quest anno pensavo di dedicare uno spazio alle officinali,ma trovare i semi sta diventando un lavoraccio,qualche consiglio?

Lascia il tuo commento!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.