Ad ognuno…la sua varietà di pomodoro

scritto da Laura il 24 gennaio 2011 | 3 commenti
in I consigli

Il pomodoro potrebbe essere considerato un po’ il re tra gli ortaggi: discretamente ingombrante (può arrivare a 2 metri di altezza), avido di sole e di acqua, molto esigente per quanto riguarda concimazione e cure colturali. Ah, dimenticavo, bellissimo da guardare (a me quel rosso mette allegria!) e, se di qualità, buonissimo :-)

Probabilmente, la maggior parte di voi coltiva o vorrebbe provare almeno una volta a coltivare il pomodoro. Beh, le varietà di pomodoro esistenti sono davvero tantissime: dimensioni, forme e colori diversi (esiste persino un pomodoro nero!). Per nostra fortuna, tante varietà significano anche la possibilità di trovare quella che fa più al caso nostro: il pomodoro perfetto (o quasi!).

San Marzano

È forse la varietà più conosciuta, con tanto di certificazione D.O.P.. Prende il suo nome dal comune di San Marzano (Salerno), dove è coltivatissima.

Com’è: il pomodoro San Marzano è il classico “da pelati”, di forma allungata, con polpa ricca e rossissima, con pochi semi. È perfetto sia per i sughi freschi che per le conserve.
Come si coltiva: si adatta facilmente a tutti i tipi di terreno, ma ha bisogno di molta acqua e di temperature minime di 10/12°C per germinare. La coltivazione più adatta è in pieno campo, in posizione soleggiata e con l’uso di tutori per sostenere le piante.

Per chi ama i grandi classici (e ha molto spazio).

Ciliegino

Quella dei ciliegini è una famiglia di pomodori molto affollata, che comprende alcune varietà conosciutissime (chi non ha mai sentito nominare il ciliegino di Pachino?)

Com’è: i ciliegini producono dei piccoli frutti, a bacca, di un bel colore vivace che li fa assomigliare alle ciliegie. I frutti sono riuniti a grappoli di 20-30 (ma a volte anche 50) pomodorini e hanno un sapore dolcissimo. Sono adatti soprattutto ad essere consumati freschi, nelle insalate, nei sughi (meglio se crudi), sulla pizza!
Come si coltiva: cresce bene anche in terreni sassosi, ma ha bisogno di più cure di altre varietà di pomodori. Tuttavia il ciliegino è molto resistente a malattie e a parassiti e spesso non c’è bisogno di intervenire con antiparassitari.
Esistono anche delle varietà di ciliegino che non crescono molto in altezza (come Small Fry e Lilliput) e che sono quindi adatte ad essere coltivate in vaso, anche sul balcone.

Per chi ha l’orto in balcone o poco spazio.

Cuore di bue

Originario degli Stati Uniti, è il tipico pomodoro “da orto”, poco adatto alla coltivazione industriale.

Com’è: il cuore di bue dà frutti molto grandi del peso di 200-300 grammi che possono arrivare anche a 500 grammi! Ha un caratteristico colore rosso-rosato, la buccia sottile e pochissimi semi ed è ottimo da consumare crudo, in insalata.
Come si coltiva: questa varietà di pomodoro non è particolarmente gentile con gli agricoltori! È tardiva, produce pochi semi e dà una produzione molto discontinua. Nello stesso appezzamento di terreno e con le stesse condizioni, i raccolti possono variare moltissimo di anno in anno. In più, i frutti sono molto delicati e si conservano con difficoltà…è meglio mangiarli appena raccolti!

Per chi ha molta pazienza e non si preoccupa troppo dell’abbondanza del raccolto ;-) .

Costoluto fiorentino

Come dice il suo nome, il costoluto fiorentino è originario (e tutt’ora molto coltivato) della provincia di Firenze.

Com’è: ha frutti grandi, di colore rosso vivo, caratterizzati dalla presenza delle costole che coprono tutta la superficie del pomodoro. Ha un ottimo sapore ed è adatto ad essere consumato crudo, ma, dopo averlo scottato e spellato, va bene anche per i sughi
Come si coltiva: le piante di costoluto fiorentino crescono molto in altezza (anche oltre i 2 metri) ed hanno un aspetto abbastanza selvatico, con foglie disposte in una massa disordinata. Non producono molti frutti, ma sono, in compenso, molto resistenti agli attacchi degli afidi e del ragnetto rosso, non hanno bisogno di potature e si adattano a qualsiasi terreno.

Per chi non bada troppo all’apparenza, ma vuole delle piante resistenti.

Pomodoro invernale giallo

Questa varietà di pomodoro è meno diffusa delle sue “sorelle” più famose.

Com’è: i frutti sono piccoli, globosi, di colore giallo-arancio, con una buccia molto spessa. La polpa è più rossa, ma poco succosa, di un sapore acidulo. Proprio per questo sapore un po’ particolare, i pomodori invernali gialli non sono apprezzatissimi e sono di scarso interesse commerciale.
Come si coltiva: questi pomodorini hanno il vantaggio di poter crescere quasi “a secco”, cioè senza essere annaffiati. Si sviluppano molto lentamente e vanno raccolti con l’intero ramo quando diventano gialli. Vanno poi appesi con dello spago in un luogo asciutto ed arieggiato dove si conservano molto a lungo. Per questo sono adattissimi ad essere consumati in inverno.

Per chi ha gusti particolari ed ha poca acqua a disposizione

Foto (nell’ordine): St0rmz, sylvar, Powi

{lang: 'it'}

Commenta l'articolo! Ci sono 3 commenti

  1. Pomodori anche ai piedi delle Dolomiti (Belluno).
    Con i primi tepori del 2010 ho provato a far nascere delle piantine di pomodoro in vasetto dai semini ecco l’immagine ad aprile http://www.facebook.com/photo.php?pid=1103722&l=9bfa4c3ef3&id=1372531846
    Proteggendo dopo ogni pioggia con verderame, a luglio le piante erano ormai rigogliose ed ogni settimana regalavano saporitissime e profumatissime insalate http://www.facebook.com/photo.php?pid=1577219&l=45291405d1&id=1372531846
    Fino a fine settembre: http://www.facebook.com/photo.php?pid=1590374&l=a7b4200c66&id=1372531846
    Con i primi freddi, i primi brutti segni così abbiamo pensato di sfruttare tutto il rimasto http://www.facebook.com/photo.php?pid=1614841&l=6d53d6ce82&id=1372531846
    in una marmellata:
    fase 1
    http://www.facebook.com/photo.php?pid=1615050&l=b4e5a61491&id=1372531846
    fase 2
    http://www.facebook.com/photo.php?pid=1634348&l=f541b1bb13&id=1372531846

  2. Laura scrive:

    Complimenti!! E comunque il piatto di pomodori verdi con il limone è davvero molto invitante :-)

  3. franco scrive:

    non riesco a trovare una qualità di pomodoro che ha la forma del peperone.

Lascia il tuo commento!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.