Chi siamo

Coltivare l’Orto è un sito semplice nato da un’idea semplice: far crescere un orto sul balcone di casa, nel bel mezzo di una grande città. In questo spazio vogliamo condividere un po’ di quello che abbiamo imparato da chi ne sa molto più di noi e manovra zappa e vanga da quando cammina (più o meno).

Nate da famiglie contadine, cresciute a furia di verdure genuine (quelle che “ti fanno diventare sana e forte”) e infine trapiantate nella metropoli, abbiamo voluto provare l’ebbrezza di gustare un’insalata che non fosse già sterilizzata, sminuzzata e imbustata.
Grazie ai preziosi consigli di nonni e genitori commossi per questo ritorno alle origini, coltiviamo con caparbietà e coloriamo di verde (e non solo!) un minuscolo punto nel grigio.

Coltivare l’Orto non è né un manuale né un’enciclopedia. Qui troverai consigli, curiosità, notizie, dubbi ed esperimenti, per una piccola grande impresa, alla portata di tutti.
In fondo, “chi semina, raccoglie”. Basta iniziare a seminare ;-)

Se non ne hai abbastanza e vuoi conoscerci meglio puoi leggere la nostra intervista doppia qua sotto.

Per contattarci, invece, puoi usare la pagina dei contatti.

Conosciamoci meglio!

Chiara - Coltivare l'Orto Laura - Coltivare l'Orto
Nome Chiara Laura
Età L’età di mia madre meno 35 anni Un mese più di Chiara :-)
Professione Faccio grafica e web marketing Programmatrice di siti web
Tre cose di cui non potresti fare a meno Il computer, una bottiglia di vino rosso frizzante, la televisione Libri, dolci e la musica dei Marlene Kuntz
Cosa pensi dell’altra? Che è una ragazza intelligente, sempre positiva e capace di coinvolgerti in tutto quello che fa! Che è entusiasta, schietta, fin troppo paziente (con me). E che non molla mai la presa. Per fortuna ;-)
Il tuo colore preferito Viola Rosso!
Il tuo animale preferito Criceto Pinguino
Se fossi un ortaggio saresti… Il peperone. È difficile da digerire, ma poi non ne puoi più fare a meno! La melanzana, probabilmente, per conformazione fisica…e poi perché mi piace!
La tua verdura preferita Una varietà di insalata: la regina dei ghiacci Oltre alla melanzana, la zucchina
Chi coltiva nella tua famiglia? Mio papà e gli zii Nonni, zii, un cugino, mamma, babbo e , in piccolo, il fratello maggiore
Perché hai deciso di fare l’orto? Per risparmiare ovvio! E poi, per far vedere al mio papà, che anche una ragazza come me, può fare l’orto. Il mio obiettivo è batterlo, ovviamente! Perché sono un’accanita consumatrice di verdure, perché è vero che, per quanto si vada lontano, le radici sono radici e soprattutto…perché no??
Qual’è il tuo sogno “verde”? Gestire una rivista tutta mia, sul mondo eco-biologico. Ovviamente stampata su carta riciclata al 100%! Poter arrivare ovunque, in qualunque luogo, senza automobile. Semplicemente a piedi ;-)
Cosa faresti per una città più “verde”? Vorrei, che per un giorno intero, non ci fosse nessun mezzo di trasporto in giro per la città. Niente di niente. Tutti a piedi, senza fretta. Lo so che potrebbe sembrare un’assurdità, ma, se potessi, lo farei. Ah, e abolirei i fast food ;-) In città vorrei migliaia biciclette, orti di comunità e tanto guerrilla gardening. E poi, lo so che non riguarda direttamente il verde, ma vorrei che le automobili rendessero meno difficile la vita a chi sceglie di andare a piedi. Ad esempio che non parcheggiassero su marciapiedi o sulle strisce pedonali.
Qual’è la tua mania? Toglietemi tutto, ma non la mia frangetta! Mmm…non saprei da dove cominciare. La più innocua è quella di camminare sempre a sinistra delle persone con cui sto parlando.
Progetti per il futuro? La mia priorità assoluta è “battere mio padre”! Poi ovviamente c’è un viaggio con Laura a cui tengo molto….e la rivista eco-biologica che per quest’anno è sicuramente un sogno! A parte conquistare il mondo?? Piantare un alberello di limoni, estendere i miei orizzonti musicali, fare un viaggio a piedi con Chiara, continuare a ridere di gusto per ogni cosa :-)
Qual’è il tuo motto? Il pessimista vede ogni opportunità come un pericolo. L’ottimista vede ogni pericolo come un’opportunità. Il pessimista vede ogni opportunità come un pericolo. L’ottimista vede ogni pericolo come un’opportunità.
{lang: 'it'}
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.